Un nuovo Regolamento della Commissione Europea per il controllo delle sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione

Security and Protection

La Commissione Europea ha pubblicato il 10 Ottobre il Regolamento (UE) 2018/1513 nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea che modifica l'Allegato XVII del REACh, limitando l'elenco delle sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (CMR) nell'abbigliamento e relativi accessori, altri prodotti tessili e calzature.

È stato pubblicato il 10 ottobre il regolamento (UE) 2018/1513 della Commissione, per una modifica effettuata all’allegato XVII del Regolamento REACh per quanto riguarda alcune sostanze classificate come cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (CMR). Il regolamento ha introdotto la voce 72 nell’elenco delle sostanze soggette a restrizioni e limita l’uso di 33 sostanze CMR nell’abbigliamento e nei relativi accessori, in altri prodotti tessili e calzaturieri.

 

I consumatori possono essere esposti alle sostanze CMR presenti in indumenti e accessori per contatto con la pelle o per inalazione. Per proteggere la salute umana e ridurre al minimo l’esposizione dei consumatori a queste sostanze, la Commissione ha stabilito che, qualora le sostanze CMR siano presenti in concentrazioni superiori a un certo livello, la vendita di tali articoli dovrebbe essere vietata. Per lo stesso motivo, la restrizione riguarderà anche altri tessuti che entrano in contatto con la pelle umana in misura simile a quella degli indumenti (ad esempio, biancheria da letto, coperte, tappezzerie o pannolini riutilizzabili).

 

Le sostanze elencate nell’appendice 12 non possono essere immesse sul mercato dopo l’1 novembre 2020 nei seguenti articoli se la sostanza è presente in una concentrazione superiore a quella specificata nell’appendice 12:

  • Indumenti o accessori correlati
  • Tessili diversi dagli indumenti che, in condizioni d’uso normali o ragionevolmente prevedibili, vengono a contatto con la pelle umana in misura simile agli indumenti.
  • Calzature

Nota: in deroga, per quanto riguarda l’immissione sul mercato di formaldeide in giacche, cappotti o tappezzeria, la concentrazione rilevante ai fini degli articoli sopra elencati è di 300 mg/kg nel periodo compreso tra l’1 novembre 2020 e l’1 novembre 2023. La concentrazione specificata nell’appendice 12 con 75 mg/kg si applica successivamente.

 

La restrizione non si applica a:

  • Indumenti, accessori o calzature, o parti di abbigliamento, accessori o calzature, esclusivamente in cuoio, pelliccia o cuoio naturale
  • Elementi di fissaggio non tessili e accessori decorativi non tessili
  • Indumenti di seconda mano, accessori connessi, prodotti tessili diversi dall’abbigliamento e dalle calzature
  • Tappeti da parete a parete e rivestimenti tessili per pavimenti per interni, tappeti e runner
  • Dispositivi di protezione individuale (DPI) che rientrano nel campo di applicazione del regolamento (UE) 1016/425
  • Dispositivi medici che rientrano nel campo di applicazione del regolamento (UE) 2017/745
  • Tessuti usa e getta (progettati per essere utilizzati una sola volta o per un periodo di tempo limitato e non sono destinati ad un uso successivo per lo stesso scopo o per uno scopo analogo).

Riferimento: Regolamento (UE) 2018/1513 della Commissione.

 

Per dettagli o ulteriori approfondimenti è possibile rivolgersi a

Stefania Dal Corso
stefania.dalcorso@centrocot.it

Area Sviluppo Sostenibile

Autore: Redazione

 Centrocot SpA