OEKO-TEX®: nuovi criteri per il 2021

Ecologia e ambiente

“Più trasparenza verso un futuro più sostenibile e misurabile” è il principio guida alla base dell'impegno di OEKO-TEX® per un approccio responsabile da parte delle aziende e dei consumatori nel mondo del tessile e del cuoio. Un approccio che è soprattutto alla base dei test richiesti e dei processi di certificazione previsti dagli standard OEKO-TEX®, che garantiscono sicurezza e sostenibilità per le aziende della catena di fornitura coinvolte nella produzione di articoli tessili e in cuoio, e per i consumatori.

All’inizio dell’anno l’associazione OEKO-TEX® aggiorna, come di consueto, i criteri di prova, i valori limite e i requisiti applicabili per la sua gamma di certificazioni e marchi. Tutti i nuovi regolamenti entreranno in vigore, dopo un periodo di transizione,  il 1° aprile 2021.

“OEKO-TEX® mira a fornire a clienti e partner certificazioni misurabili e all’avanguardia. Per questo motivo, i criteri di prova previsti dagli standard OEKO-TEX® vengono aggiornati almeno una volta all’anno sulla base di nuove informazioni scientifiche o di requisiti di legge. Un progetto speciale nel 2021 sarà l’integrazione dell’impronta  ambientale (carbon and water footprint) nel marchio MADE IN GREEN”.

Di seguito viene fornita una panoramica dei cambiamenti e delle innovazioni più importanti.

 

Materiali riciclati in STANDARD 100 by OEKO-TEX®

In tempi di cambiamenti climatici e di impoverimento delle materie prime, si registra un aumento della domanda di prodotti di moda e tessili realizzati con materiali riciclati. OEKO-TEX® ha sviluppato un approccio per integrare i materiali riciclati per una maggiore sostenibilità nell’ambito dello STANDARD 100 by OEKO-TEX®.

Questo approccio uniforme richiede una quantità minima (20%) di materiale riciclato in un articolo, programmi di test diversi a seconda dell’origine del materiale e la definizione delle informazioni di base necessarie. Un hangtag informa i consumatori sul riciclo in ottica di economia circolare. I materiali riciclati sono difficili da certificare dato che con la loro ciclo di vita precedente, offrono sfide diverse rispetto al materiale “vergine”. Per questo motivo, essi vengono trattati in modo diverso all’interno dello STANDARD 100 by OEKO-TEX® e ricevono una menzione speciale nel campo di applicazione del certificato.

 

LEATHER STANDARD by OEKO-TEX® – Pelle conciata senza cromo e metalli

Nell’ambito del LEATHER STANDARD by OEKO-TEX®, gli istituti partner OEKO-TEX® in futuro certificheranno anche la pelle conciata senza cromo e senza metalli. Questi prodotti naturali vengono testati per la presenza di metalli di concia con diversi valori limite e ricevono una menzione speciale nell’ambito del certificato.

 

MADE IN GREEN e STeP by OEKO-TEX®

L’etichetta sostenibile per i prodotti tessili e gli articoli in cuoio MADE IN GREEN by OEKO-TEX® è  il prodotto OEKO-TEX® in più forte crescita. Rispetto all’anno precedente, il numero di etichette valide è aumentato del 267 percento, passando da 1093 a 4010 (al 31/12/2020).

 

L’obiettivo di OEKO-TEX® per il 2021 è l’integrazione sistemica dell’impronta ambientale (carbon and water footprint) nell’etichetta MADE IN GREEN. Ciò consentirà ai consumatori di scoprire direttamente, attraverso la scansione dell’etichetta di ogni prodotto, quale impatto ha la produzione di ciascun articolo sul nostro ecosistema. Al fine di valutare la fattibilità ed esaminare come l’impronta ambientale possa essere incorporata come parte integrante del suo portfolio, OEKO-TEX® ha lanciato un progetto pilota alla fine del 2019. L’intenzione è quella di guidare i consumatori verso prodotti con informazioni trasparenti sulla loro catena di fornitura e realizzati con tecnologie a basso impatto ambientale.

 

Audit virtuali

OEKO-TEX® ha introdotto la valutazione virtuale dei siti di produzione a causa delle restrizioni di viaggio e di contatto imposte dal virus COVID-19. Ciò vale per STANDARD 100 e LEATHER STANDARD by OEKO-TEX®, nonché per gli audit virtuali per le certificazioni STeP ed ECO PASSPORT.

 

Nuovi e aggiornati valori limite

I composti alchilici per- e polifluorurati (PFAS) sono prodotti chimici industriali che vengono utilizzati principalmente nei trattamenti dei tessuti spalmati destinati per esempio all’abbigliamento outdoor. Sulla base di una recente valutazione del rischio da parte dell’UE, OEKO-TEX® ha modificato anche i valori limite per il PFOA (acido perfluoroottanoico) e i sali, nonché le sostanze legate al PFOA. In ECO PASSPORT by OEKO-TEX® il biossido di titanio (TiO2) è stato aggiunto al CAS number screening per le polveri respirabili.

In questo contesto, STeP by OEKO-TEX® MRSL è stato esteso anche al biossido di titanio (TiO2) per le polveri respirabili. OEKO-TEX® ha fatto parte di un team di ZHDC che ha recentemente pubblicato il primo libro bianco ZDHC sulle emissioni nell’aria. Nell’ambito del processo di armonizzazione, OEKO-TEX® ha inasprito i limiti del biossido di zolfo (SO2) per le emissioni nell’aria da combustibili solidi e liquidi come parte di STeP by OEKO-TEX®. Nel complesso, requisiti severi per i residui nei materiali tessili portano anche ad un minore impatto sull’ambiente, sui lavoratori e sui consumatori.

 

Nuove sostanze sotto osservazione

Anche nel 2021 OEKO-TEX® monitora diverse sostanze sulla base delle più recenti scoperte scientifiche e della conformità alle relative specifiche. Si tratta principalmente di alcune sostanze recentemente classificate come SVHC, che, secondo il regolamento REACH per la protezione della salute umana e dell’ambiente, sono state identificate come particolarmente pericolose. Tra queste vi sono i diisocianati, che possono scatenare reazioni allergiche per contatto con la pelle e per inalazione. Anche i composti chimici dibutilstagno bis(acetilacetonato), 2-metilimidazolo e 1-vinilimidazolo saranno esaminati attentamente in futuro.

 

Per informazioni rivolgersi a:

Autore: Redazione