Messico, nuovo standard per etichettatura

Internazionalizzazione

Il 14 gennaio 2022, il Ministero dell'Economia messicano ha pubblicato un nuovo standard nella sua Gazzetta Ufficiale della Federazione, Standard messicano NOM-004-SE-2021, Informazioni commerciali - Etichettatura di prodotti tessili, abbigliamento, accessori e biancheria per la casa.

Lo standard messicano NOM-004-SE-2021, che entrerà in vigore il 15 gennaio 2023, stabilisce le informazioni commerciali richieste per l’etichettatura ed è applicabile a prodotti tessili, abbigliamento, accessori e biancheria per la casa, la cui composizione tessile è uguale o superiore al 50% in relazione alla sua massa. Tutti i prodotti nell’ambito di applicazione che sono destinati ai consumatori e sono commercializzati all’interno del territorio degli Stati Uniti messicani dovrebbero essere conformi a questo nuovo standard, anche se contengono plastica o altri materiali. Questo nuovo standard sostituisce NOM-0040SCFI-2006.

Gli indumenti, i loro accessori e la biancheria per la casa devono riportare le seguenti informazioni in modo leggibile, su una o più etichette permanenti poste nella parte inferiore del collo o della vita, o in qualsiasi altro luogo visibile, a seconda delle caratteristiche del capo. I codici QR possono essere utilizzati sulle etichette. I dettagli richiesti sono:

  1. Marchio
  2. Descrizione dei materiali (percentuale in massa in ordine di predominanza, in conformità con le disposizioni degli standard messicani NMX-A-2076-INNTEX-2013 e NMX-A-6938-INNTEX-2013). I riferimenti normativi devono essere con numeri arabi da 1 a 100
  3. Taglia, per indumenti e accessori, o misure per biancheria per la casa
  4. Istruzioni per la manutenzione
  5. Paese di origine
  6. Persona responsabile del prodotto (deve essere presentato su una qualsiasi delle etichette permanenti o temporanee o sulla sua confezione chiusa):
  • Per i prodotti di produzione locale – nome del produttore, indirizzo commerciale e RFC (registro federale dei contribuenti). Nel caso di marchi internazionali, può essere il licenziatario
  • Per i prodotti importati: nome dell’importatore, indirizzo commerciale e RFC

Ci sono requisiti di etichettatura simili ma leggermente diversi per altri prodotti tessili in questo nuovo standard.

Tutte le informazioni commerciali richieste dallo Standard devono essere presentate in spagnolo (anche se possono essere presentate anche in qualsiasi altra lingua oltre allo spagnolo), essere veritiere, essere descritte e presentate in modo tale da non trarre in inganno rispetto alla natura e alle caratteristiche del prodotto.

Quando il prodotto è commercializzato in un imballaggio chiuso che non consente di vedere il contenuto, l’imballaggio deve indicare il nome del prodotto e la quantità di prodotti contenuti. Quando gli indumenti sono commercializzati come coppie realizzate con lo stesso materiale, l’etichetta può essere presente su uno solo degli articoli.

Nella descrizione dei materiali, i nomi generici delle fibre devono essere utilizzati in conformità con gli standard messicani. Qualsiasi uso di abbreviazioni o nomi diversi da quelli indicati negli Standard non è accettabile. Qualsiasi fibra presente in una percentuale inferiore al 5% del totale può essere designata come “altre” o “altre fibre”. Quando si utilizzano fibre recuperate o riciclate, o miscele di queste con altre fibre vergini, le percentuali e i nomi generici di ciascuna delle fibre devono essere indicati indicando “recuperato” o “riciclato” prima del nome della fibra generica.

Quando un prodotto è stato fabbricato in un paese con materiali provenienti da altri paesi, la leggenda “Made in … (paese di fabbricazione) con fattori produttivi importati” deve essere utilizzato e l’origine dei fattori produttivi utilizzati può essere aggiunta volontariamente. È accettabile utilizzare abbreviazioni per gli Stati Uniti d’America come EUA, USA, EE. UU., in maiuscolo o minuscolo, con punti o senza punti. Per il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, GBR o Regno Unito possono essere utilizzati.

I tecnici di Centrocot dell’Area tecnica Internazionale possono essere di supporto alle Aziende esportatrici per il controllo dello stato di conformità delle merci.

Contattare Albertini Barbara: barbara.albertini@centrocot.it

Autore: Barbara Albertini

Area Tecnica Internazionale

Consenso ai cookie con Real Cookie Banner