Aggiornamento professionale, un’opportunità per lavoratori e impres

Organizzazione e gestione

La logica che le competenze acquisite durante un ciclo di istruzione standard siano sufficienti per il corso della vita professionale non è più applicabile. Il programma europeo Erasmus+ promuove corsi di formazione professionale innovativi per fornire competenze, qualifiche ed esperienze pratiche spendibili nel mercato del lavoro ed offrire opportunità di formazione continua e di riqualificazione professionale.

Con lo slogan “DISCOVER YOUR TALENT!” la Commissione Europea ha dato il via alla campagna di promozione per la prima European Vocational Skills Week che si terrà dal 5 al 9 dicembre prossimi. L’iniziativa, che prevede una serie di incontri a livello internazionale a Bruxelles e in parallelo degli eventi nazionali e regionali in tutta Europa, ha lo scopo di dimostrare il ruolo fondamentale della formazione professionale a sostegno delle competenze, dei posti di lavoro, dell’ innovazione e della competitività.
Gli eventi che mano a mano stanno entrando nel programma si rivolgono al più ampio pubblico possibile – studenti, genitori, aziende, società in generale – attraverso l’organizzazione di una serie di attività per evidenziare le esperienze positive e le opportunità di istruzione e formazione professionale.
In particolare, dal punto di vista di un imprenditore offrire formazione continua, corsi di aggiornamento o l’opportunità di imparare nuove abilità al personale esistente può significare maggiore efficienza e competitività dell’impresa.
Certamente le contingenze quotidiane o temporanee e le risorse economiche limitate possono essere un ostacolo, ma esistono strumenti che concorrono a superare tali difficoltà e che sono un ottimo veicolo di aggiornamento e di conoscenza. E’ il caso del programma europeo Erasmus+ e della sua linea di finanziamento dedicata alla formazione professionale “Partenariati Strategici VET KA2 – Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche”. L’obiettivo è supportare il miglioramento della qualità dell’offerta di istruzione e formazione professionale promuovendo la cooperazione attraverso lo sviluppo, l’implementazione e il trasferimento di pratiche innovative nelle organizzazioni a livello locale, regionale, nazionale ed europeo. I partenariati devono essere composti da un minimo di 3 organismi partner provenienti da 3 diversi Paesi partecipanti al Programma e possono appartenere a qualsiasi organizzazione pubblica o privata coinvolta a vario titolo nei percorsi VET (Vocational Education and Training) . Tale ampiezza di spettro è stata voluta appositamente dalla Commissione proprio per dare l’opportunità a più soggetti possibili di accedere a percorsi innovativi di formazione. In tal modo possono partecipare non solo istituti scolastici di vario grado, ma anche centri di ricerca privati e imprese.
Tra le iniziative finanziabili vi sono attività volte a sviluppare, sperimentare e implementare pratiche innovative nel settore dell’istruzione e formazione professionale, o volte al riconoscimento e alla validazione delle conoscenze, delle competenze e delle abilità acquisite attraverso esperienze di apprendimento formale, non-formale e informale.
Erasmus+ non è uno strumento per finanziare la formazione professionale aziendale, ma consente ad imprese, con esigenze avanzate per la formazione professionale delle proprie risorse, di sperimentare percorsi formativi originali. A tal fine, ad esempio, un’impresa che volesse acquisire competenze aggiornate sulle tendenze di innovazione e delle linee di sviluppo in atto, potrebbe partecipare all’interno di un progetto Erasmus+ come partner in cui testare il trasferimento di skills attraverso corsi innovativi basati su piattaforme e-learning e con il riconoscimento finale delle competenze acquisite. La partecipazione a tali iniziative, infatti, permette agli interessati di accedere a informazioni scientifiche, tecniche, gestionali ed economiche, aggiornate ai più recenti sviluppi tecnologici ed industriali e in genere con una spesa nulla o molto ridotta.

Per ulteriori informazioni, potete contattare:
• Ing. Roberto Vannucci, Area Progetti,
roberto.vannucci@centrocot.it, +39 0331 696778
• Dott.sa Daniela Nebuloni, Area Progetti,
daniela.nebuloni@centrocot.it, +39 0331 696760


Autore: Daniela Nebuloni

Area Progetti – Centrocot SpA

Consenso ai cookie con Real Cookie Banner