Progetto ECOSIGN: 12 ECO-DESIGNER PER IL SETTORE TESSILE

Organizzazione e gestione

Le attuali tendenze nei vari settori dei beni di consumo puntano sempre più sul design sostenibile e sull'innovazione. Per tutti coloro che si affacciano al mondo del lavoro o per chi intende restare aggiornato, è necessario acquisire conoscenze in merito a prodotti, tecnologie e approcci che contribuiscano a ridurre l'impatto ambientale dei beni prodotti in un’azienda. È ciò che ha fatto il progetto ECOSIGN attraverso i corsi pilota on-line al termine dei quali i partecipanti hanno potuto ottenere il certificato di acquisizione delle competenze.

Dopo tre anni di lavoro, si è concluso il progetto ECOSIGN – Eco-innovation Skills for European Designers che ha visto coinvolti 12 partner di 4 paesi europei – Slovenia, Spagna, Italia e Romania – nella creazione di un insieme di conoscenze condivise e nello sviluppo di corsi di formazione in modalità blended (e-learning e sessioni face-to-face) per fornire abilità e conoscenze sulle tecnologie ambientali agli eco-designer europei. In particolare, l’ultimo periodo di progetto si è focalizzato sulla realizzazione dei corsi pilota che hanno permesso ai partner di testare sul campo l’utilità dei temi trattati e quanto il profilo professionale “Eco-designer per le aziende manifatturiere” sia in linea con le tendenze in atto a livello globale.

Così lungo un arco di 4 mesi, 90 iscritti, provenienti da Slovenia, Spagna, Italia e Romania hanno potuto scegliere e partecipare a uno dei 4 corsi pilota on-line dedicati ai 3 settori del progetto – Food packaging, Electric and electronic goods, Textile and clothing, per un totale di 400 ore di lezione.

Ogni corso è stato strutturato in due moduli: il primo, comune a tutti i settori, ha trattato il tema dell’eco-design sotto vari aspetti, quali ad esempio l’attenzione alla sostenibilità e i trend di evoluzione, il quadro legislativo, l’analisi del ciclo di vita e dei costi e i sistemi di gestione ambientale. Il secondo modulo, invece, ha declinato i principi dell’eco progettazione a seconda delle peculiarità e delle necessità di ogni specifico settore.

I percorsi formativi sono stati indirizzati sia a studenti/inoccupati che a lavoratori. Per i primi si è trattata di un’opportunità attraverso la quale sviluppare le loro conoscenze sui temi dell’eco-progettazione applicata ai settori di riferimento, mentre per i secondi ha rappresentato lo spunto per conoscere nuove prospettive e migliorare l’approccio alla produzione e al trend di mercato.

In particolare, il corso organizzato da Centrocot ha riscosso ampio successo tanto da permettere di superare il target di riferimento iniziale dettato dal progetto (10 studenti e 10 lavoratori), raggiungendo i 28 partecipanti: 11 studenti/disoccupati e 17 professionisti con provenienza dall’intero territorio nazionale. Gli iscritti hanno partecipato gratuitamente al corso pilota on-line per una durata di circa 100 ore di lezione a distanza e 5 incontri in aula per attività di tutoraggio.

Al termine, i partecipanti hanno dovuto affrontare una prova finale che è consistita nello sviluppo di un project work in cui hanno dovuto applicare i concetti e le metodologie studiate a un caso reale di propria scelta o progettare un nuovo concept di prodotto sempre secondo le regole dell’eco-design. Ciò ha permesso a 12 di loro di ottenere gli attestati di partecipazione al corso e il certificato di acquisizione delle competenze, quest’ultimo rilasciato da AICQ-SICEV, ente italiano di certificazione delle figure professionali.

Questa esperienza ha permesso a Centrocot di testare e utilizzare le ampie opportunità offerte dalla propria piattaforma e-learning. Un corso on-line, infatti, ha vantaggi su diversi fronti. Il primo è sicuramente quello di rendere disponibile i contenuti a un pubblico più ampio, diversificato, dislocato lontano dall’ente di formazione o che ha necessità di dovere modulare la partecipazione al corso in base alle proprie esigenze lavorative. Dalla parte dell’ente di formazione il vantaggio è quello di allargare il proprio bacino d’utenza e sperimentare, sviluppare e offrire maggiormente la propria offerta formativa attraverso la modalità a distanza.

Il corso sarà lanciato, nella nuova edizione, nel 2019.

Per ulteriori informazioni, potete contattare:

  • Roberto Vannucci, Ricerca e Innovazione Multisettoriale,
    roberto.vannucci@centrocot.it, +39 0331 696778
  • Daniela Nebuloni, Ricerca e Innovazione Multisettoriale,
    daniela.nebuloni@centrocot.it, +39 0331 696760

Autore: Daniela Nebuloni

Ricerca e Innovazione Multisettoriale – Centrocot SpA