Life M3P: un nuovo strumento per l’economia circolare

Tecnologia e controlli

Centrocot ha recentemente firmato il documento ufficiale per l’avvio del progetto europeo Life M3P che svilupperà, nell’arco di tre anni, uno strumento a favore delle aziende del territorio per valorizzare/trasformare gli scarti di lavorazione in risorse e materie prime secondarie.

Il progetto Life M3P – Material Match Making Platform for promoting the use of industrial waste in local networks- inizierà ufficialmente il prossimo mese di ottobre e nella partnership guidata da Centrocot sono presenti l’Unione Industriali della Provincia di Varese, Material Connexion Italia, i-Cleantech Vlaanderen -cluster belga per le tecnologie ambientali sostenibili, Diadyma – cluster greco per la bioenergia della West Macedonia e la spagnola Asprocon, confederazione asturiana delle aziende edili.
Il progetto, co-finanziato dal programma europeo Life +, mira a sviluppare reti locali per il miglioramento del trattamento dei rifiuti industriali, favorendo il loro uso in altre imprese locali e riducendo le esigenze di trattamento, stoccaggio, trasporto e il conseguente impatto ambientale.
Il progetto vuole supportare le aziende nel loro continuo miglioramento, al fine di ridurre i rifiuti di lavorazione e sostituire le materie prime con altre meno critiche per l’ambiente. Attraverso l’approccio della circular economy, infatti, si vuole attuare la transizione verso un modello che risponde a una logica tanto ambientale quanto economica.
L’obiettivo del progetto è quello di sviluppare un sistema di valorizzazione dei rifiuti, sulla base della caratterizzazione e classificazione delle loro proprietà, utilizzando una nuova piattaforma digitale di match making appositamente dedicata. Sono previsti, inoltre, dei pilot cases su scarti o rifiuti potenzialmente riutilizzabili, partendo dai quali saranno studiati nuovi concept di prodotto con il coinvolgimento di scuole di design e di giovani designer.
Il risultato prefissato è duplice:

  • da un lato creare conoscenza delle risorse disponibili localmente (materie prime secondarie o sottoprodotti), al fine di ridurre la necessità di movimentazione, nonché il trattamento finale e lo smaltimento;
  • dall’altro saranno potenziate le sinergie con le altre aree industriali europee per ottenere un migliore recupero globale dei rifiuti.

Il sistema permetterà la ricerca sulla base delle caratteristiche e della catalogazione dei materiali e servirà , a sua volta, come strumento di comunicazione verso i responsabili prodotto, tecnici di processo, designer, a loro volta alla ricerca di soluzioni innovative o sostitutive per il loro prodotti o processi.
Uno degli aspetti innovativi del progetto LIFE M3P è l’idea di affrontare il problema della riduzione dei rifiuti industriali e un uso più efficiente delle risorse materiali attraverso un approccio a livello distrettuale locale. In altri termini, si intende studiare soluzioni innovative per il problema dei rifiuti prestando attenzione all’ intero set di rifiuti industriali in un ambito territoriale ampio, ma localizzato (rete locale).

Per ulteriori informazioni, potete contattare:


Autore: Daniela Nebuloni

Area Progetti – Centrocot SpA