NUOVI Criteri per la Certificazione STeP by Oeko-Tex®

Tecnologia e controlli

STeP® by OEKO-TEX® è uno strumento di sostenibilità degli impianti di produzione lungo tutta la catena del tessile che utilizza un sistema di valutazione trasparente di punteggio. STeP® offre alle aziende produttive l'opportunità di avere una unica certificazione da parte di un organismo indipendente che riguarda la gestione dei prodotti chimici, sia dal punto di vista della pericolosità per l’utilizzatore che per l’ambiente, la gestione ambientale, l’etica, la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro, la qualità e la tracciabilità del prodotto, specifico per il settore tessile e abbigliamento.

Dal 1 ° febbraio 2016, sono stati aggiornati i criteri STeP ®.

Le modifiche hanno riguardato:

– L’elenco delle sostanze pericolose escluse (MRSL compreso nell’annex D dello Standard) (ora conforme ai requisiti dell’iniziativa ZDHC Zero Discharge of Hazardous Chemicals – http://www.roadmaptozero.com/). Gli impianti di produzione che si certificheranno, in conformità con lo Standard STeP ® soddisferanno le specifiche ZDHC per quanto riguarda l’uso di sostanze chimiche pericolose di processo. Le aziende già certificate STeP® dovranno dimostrare il rispetto di tali specifiche durante la prossima verifica ispettiva.
– I requisiti sul trattamento dei fanghi di depurazione prodotti dagli stabilimenti tessili è stato reso armonico con la normativa cogente europea e internazionale; in riferimento allo stoccaggio e allo smaltimento, sono stati definiti dei limiti di concentrazione per l’uso per scopi agricoli come fertilizzante (Annex G8).Il requisito è già coperto dalle normative regionali italiane.
– I requisiti di responsabilità sociale sono stati aggiornati in riferimento alla tutela della maternità. In mancanza di disposizioni di legge nazionali, le società sono incoraggiate a definire proprie linee guida o policy aziendali per garantire un congedo di maternità retribuito nel contesto dell’ILO Core Labour Standard 183. L’Italia è da sempre all’avanguardia sulla tutela della maternità, le leggi nazionali e il contratto collettivo nazionale di lavoro coprono i requisiti STeP.
– All’elenco delle certificazioni di terza parte accettate dallo Standard STeP ® nell’annex C è stato incluso lo standard di responsabilità sociale “Responsible Down Standard (RDS)” che garantisce un approvvigionamento responsabile di piume e piumini per la fabbricazione di imbottiture. Lo standard STeP® ha inoltre ampliato il proprio campo di applicazione includendo i produttori di schiume e materassi.

Ulteriori dettagli sull’aggiornamento dello Standard riguardano:

– La necessità di una planimetria delle aree dell’azienda in cui sono stoccati , movimentati e utilizzati prodotti chimici. Le aziende devono dimostrare che le sostanze chimiche siano trasportate in s condizioni di sicurezza e che il personale abbia ricevuto idonea formazione sul rischio chimico.
– Le attrezzature di emergenza devono essere verificate almeno una volta all’anno, al posto dell’intervallo precedente di due anni. In Italia per estintori, manichette, idranti è d’obbligo la periodicità semestrale.
– Nell’Annex G dello standard STeP®, sono stati definiti valori limite per emissioni in atmosfera da parte di centrali elettriche a turbine a gas.

Maggiori dettagli sulle modifiche allo Standard STeP ® Rev.3.0 sono disponibili su oeko-tex.com/step-v3-criteria, oppure contattando l’Area Sviluppo Sostenibile di Centrocot dr.ssa Barbara De Rui (barbara.derui@centrocot.it).
Cogliamo l’occasione per comunicare che è stata certificata la terza azienda italiana e che sono in corso contratti che porteranno entro l’estate 2016 il numero di azienda italiane certificate STeP® a una decina.


Autore: Barbara De Rui

Area Sviluppo Sostenibile – Centrocot S.p.A.